01.jpg02.jpg03.jpg04.jpg05.jpg

Mostre 2005 - 2006

DisegniDISEGNI AnnaMaria Cesarini Sforza

Galleria Fondaco, via degli Zingari 28

Nata a Bologna, studia arte a Roma dove, dopo il Liceo Artistico, si iscrive all’Accademia di Belle Arti. Negli anni Quaranta frequenta lo studio di Enrico Galassi in via Margutta dal quale acquisisce conoscenza e tecnica dell’arte del mosaico: dopo un breve periodo di apprendistato, inizia ad eseguire i suoi primi lavori anche su cartoni di artisti noti come Afro, Campigli, Capogrossi, Carrà, Consagra, De Chirico, Maccari, Savino, Severini, Orfeo Tamburi. Nel settembre 1945 sposa Pietro Cascella dal quale avrà Benedetta, Tommaso e Susanna. Un mestiere, quello dell’artista, all’epoca tradizionalmente maschile, interpretato e rielaborato senza ostentazioni, seguendo una propria strada, esprimendosi attraverso piccole tessere in composizioni senza confini. Opere di grande pregio frutto di un lavoro di grande perizia e maestria che lei ama definire un mestiere senza tempo, un mestiere di pietra, una geologia domestica. La sua ricerca e la sua passione artistica ruotano intorno alla combinazione di frammenti. E anche i suoi disegni a china, in esposizione fino a natale, sono combinazioni di segni, composti di tanti tratti e tanti elementi, che sembrano raccontare pezzi di storie immaginarie o forse vissute, di animali inventati ma forse possibili, di ambienti, paesaggi, architetture, scenari di un mondo fantastico.
Numerosi i suoi lavori a Roma, New York e in Toscana
12 – 23 dicembre 2006 Galleria Fondaco, via degli Zingari 28

 

Gotham CityGOTHAM CITY Giuliano Marin

Galleria Fondaco, via degli Zingari 28

In esposizione sei opere di grande formato, lavorate ad acrilico su carta, suggestioni di architetture che sembrano non appartenere né al tempo né allo spazio.
L'interesse per geometrie pure ed essenziali, per i volumi, sono il fulcro di questa ultima serie di lavori. L'architettura razionalista sviluppatasi nel ventennio fascista e immediatamente post fascista diviene, traslata nel disegno, schema, diagramma. Facciate di palazzo appaiono come grate, scale tramutate in coni tronchi, cielo via di fuga, e insieme, figura geometrica irregolare. La superficie cielo, privata del dato atmosferico successivamente conquista spazio trasformandosi in figura geometrica piatta, relegando l'architettura in taluni casi a semplice comprimaria. La continua esemplificazione conferisce al disegno una cifra fumettistica, il complesso abita una gotham city mediterranea. Veronique Haupt
22 novembre – 10 dicembre 2006 Galleria Fondaco, via degli Zingari 28

 

Nozze con l'arteNOZZE CON L’ARTE Liste di nozze d’arte

Regalare arte in occasione del matrimonio è un modo alternativo di fare il regalo di nozze che consente di far entrare l’arte in casa, arte scelta da chi la riceve.
Da fòndaco l’opportunità di creare liste di opere d’arte contemporanea e di esclusivo artigianato artistico invece delle tradizionali liste di oggettistica per la casa.
Le opere e gli oggetti scelti rimangono in esposizione per un periodo di venti giorni precedente il giorno delle nozze nello spazio galleria di via degli zingari.
In esposizione fino al grande giorno di Anja Maslova e Arturo di Corinto: le mappe dell’Atlante immaginario di Nicola Tella, le sculture in bronzo e i bozzetti di Loredana Baldin, i cuori di Mojmir Jezek, i giochi e le pietre di Enrico Bertorotta, i ri-tratti digitali di Wladimir Vinciguerra, le lampade di Han e Cristina Theyssens, tavoli, lampade, specchi e oggetti in vetro di Silice di Anna Preziosi.
4 - 22 settembre 2006 Galleria Fondaco, via degli Zingari 28

 

Ri-trattiRI-TRATTI Wladimir Vinciguerra

Wladimir Vinciguerra presenta per la prima volta ri-tratti. Foto digitali dipinte con colori iper-acidi e tratti super-pop, stampate su medio e grande formato, montate su tele a spessore. Nei suoi ritratti il soggetto comune è l’energia, per ognuno diversa, sprigionata dall’interno di ogni individuo. Ed ecco che stelle, spirali, fiori psichedelici, raggi fosforescenti sfondano l’involucro che racchiude la persona e invadono un quadro coloratissimo che occupa l’intera superficie che, in spessore, viene avanti dalla parete in formato gigante, creando megaposter omaggio agli anni ’60. Tra i ri-tratti Brigitte Bardot; Mao Tse Tung; Xena di Markette; Andy dei Blue Vertigo; Faso di Elio e le storie tese; Sandro Polci di Lega ambiente; Mojmir Jezek autore di Batticuori; Gianluca del Gobbo ideatore di flxer, del progetto Shockart e del WAM (il primo Web Art Museum nel mondo).
9 - 20 giugno Galleria Fondaco, via degli Zingari 28

 

LegamiLEGAMI Marina PrincivalleGiuseppe Amato

LÉGÀMI è il titolo della mostra di sculture da indossare che Marina Princivalle presenta per la prima volta nello spazio galleria fòndaco. Catene realizzate in argento scolpito da comporre che accompagnano i bronzi, gli argenti, le pietre e i suoi piccoli quadri-gioiello che da sempre realizza e espone in occasioni mirate e costruite con grande attenzione ai dettagli e alla presentazione. Insieme la magia dei boschi dell’Abruzzo nelle immagini di Giuseppe Amato che raccontano di radici, nodi, rami, tronchi, trame e intrecci.
“Il tratto arcaico delle creazioni di Marina Princivalle si lega alle atmosfere magiche delle foto di Giuseppe Amato del Bosco di Sant’Antonio dove le forme della natura e le linee dell’arte guidano l’immaginazione in un percorso a metà fra storia e legenda”. G.A.
25 maggio - 5 giugno 2006 Galleria Fondaco, via degli Zingari 28

 

I cuori di JezekI CUORI DI JEŽEK Mojmir Ježek

Dopo la notte bianca a Monti fòndaco cura, in occasione di San Valentino, la nuova mostra di Mojmir Ježek. Sempre nel centro di Roma, ai piedi del Campidoglio, la Sala Santa Rita ospita Batticuori, 100 opere della raccolta itinerante e mai conclusa dei cuori di Mojmir Ježek, che da più di dieci anni illustra la rubrica Questioni di cuore di Natalia Aspesi sul Venerdì di Repubblica. Eccezionali variazioni, ispirate dagli Exercises de style di Raymond Queneau, dello stesso unico soggetto, il cuore … segno inconfondibile, stupendo e anche terrorizzante dell’amore, di quando per caso all’improvviso, i sentimenti e le emozioni si fondono nel nostro corpo, diventano carne, là, in mezzo al petto… (Natalia Aspesi). Cuori protagonisti di sentimenti e situazioni a volte non convenzionali ma che appartengono a molti, inconfondibili per tratto e colore, il rosso magenta, raccontano “storie” che coinvolgono e divertono un pubblico eccezionalmente ampio superando differenze di età e ambiente.
8 febbraio - 3 marzo 2006  Roma Sala Santa Rita Via Montanara 8 (ad. Piazza Campitelli)

 

Metti l'arte sotto l'alberoMETTI L’ARTE SOTTO L’ALBERO

Sculture di bronzo e di terracotta, vetri riciclati e vetri sabbiati, sculture da indossare - di corno d’argento di smalto di bronzo di resina - pietre e giochi per adulti, bende legate a filigrana in oro e tessuti dipinti, cornici, fermacarte, tagliacarte e segnalibro.
Straordinaria creatività e grande potenzialità di figure contemporanee interpretano in modo non convenzionale temi e aspetti del nostro tempo, evocano la presenza di forme d’arte e di applicazioni straordinarie che è un peccato perdere…
7 – 23 dicembre 2005 Galleria Fondaco, via degli Zingari 28

 

 A tableA TABLE Gerdine Duijsens

Colori puri, stesure ampie e pastose, immagini ravvicinate che raccontano la joie de vivre, gestualità semplici di personaggi osservati nella dinamicità della loro vita e fermati sulla tela con sottile vena ironica. Questi i temi solari proposti da Gerdine Duijsens in alcuni dipinti ad acrilico su tessuto di lino di medio e grande formato, presentati per la sua prima personale a Roma, tutti accomunati da uno stesso soggetto: i piaceri della tavola.
Valentina White, storica dell’arte.
14 - 27 ottobre 2005 Galleria Fondaco, via degli Zingari 28

 

Notte bianca con JezekNOTTE BIANCA CON MOJMIR JEŽEK

Batticuori - palpitano i cuori di Mojmir Ježek
La notte bianca a Roma nel rione monti si tinge del rosso dei cuori di Mojmir Ježek.
Fòndaco allestisce Batticuori: in esposizione le tavole originali dei cuori che da sempre accompagnano la rubrica di Natalia Aspesi sul Venerdì de la Repubblica.
Serigrafie, magliette, card e libri dei cuori di Mojmir Ježek in vendita per avere un rosso ricordo carnale, appassionato, vivo della notte bianca a Roma.
17 settembre 2005 Galleria Fondaco, via degli Zingari 28

 

Donne nel cuboDONNE NEL CUBO Enrico Bertorotta

Enrico Bertorotta presenta per la prima volta le sue “donne nel cubo” che non sono la raffigurazione emergente di qualche istinto sopito dell’autore e quantomeno il manifesto della sua concezione della donna, ma semplicemente un omaggio all’arte circense del contorsionismo. Qqueste opere appartengono ad un periodo nel quale l’autore subiva più di qualsiasi altro momento la fascinazione del circo, specialmente per quegli artisti che facevano del proprio corpo strumento d’arte. Riuscire a plasmarlo facendogli assumere posizioni irraggiungibili agli altri mortali è un’ arte che li avvicina ai confratelli delle arti plastiche e figurative. Lo scultore trae dalla pietra o dalla creta forme che trascendono la “normalità” del corpo, il pittore le fissa sulla tela, il contorsionista le trae da se stesso. e lo spettatore le interpreta, aggiungendovi quelle personali spiegazioni che provengono dalla propria sensibilità e dalle proprie pulsioni e che danno il senso all’opera.
23 giugno - 29 luglio 2005 Galleria Fondaco, via degli Zingari 28